COCTURA

La prima preparazione gastronomica alimentare a base di frutta destinata alla cucina salata. Coctura è una proposta di Terra Aqua, esperta di preparazioni a base di frutta mono-origine e geo-localizzata.
Verona, Verona, Italy

Domande frequenti sull'offerta

Per sottoporre le tue domande, premi il pulsante "FAI UNA DOMANDA".

I vostri prodotti sono classificati “bio”? Se no, prevedete di richiedere la certificazione?

I prodotti Terra Aqua sono fatti con ingredienti da agricoltura biologica o da buona pratica agricola. Abbiamo scelto in particolare di compiere un percorso che è durato 3 anni insieme al pro-cugino di mia moglie e socia Alessandra e che ci ha permesso di poter nel 2021 raccogliere gli agrumi come agrumi BIO.
Inoltre abbiamo studiato la normativa e siamo affiancati da un ente di certificazione che ha già fatto una pre-analisi e che ha trovato ottimale il ns sistema gestionale per la corretta tracciabilità della filiera BIO.
Attendiamo di poter aprire il nostro laboratorio di confezionamento e di magazzino/delivery per completare il processo di certificazione BIO.


Oltre al Marchio Registrato, prevedete altre modalità di protezione? Tipo "ricette segrete" di alcuni dei vostri prodotti?

È difficile poter proteggere ricette che tendono a contenere al massimo 3 ingredienti e assolutamente naturali. Stiamo studiando nuovi prodotti con composizioni “speciali” per un consumo “specifico e salutistico”. In questo caso abbiamo già pensato ex-ante a come proteggere con un brevetto quanto andremo a produrre.


Perché la pectina è presente in alcuni vostri prodotti?

La pectina è innanzitutto presente in tutta la frutta e verdura fresca il cui consumo regolare è consigliato (5 volte al dì) per il benessere delle persone. Impieghiamo la pectina (da agrumi) aggiunta in percentuale inferiore all’0,3% come elemento stabilizzatore del pH della preparazione. La linea Coctura non ha pectina aggiunta perché la quantità presente nelle bucce è sufficiente a stabilizzare il pH del prodotto. La confettura di albicocche non ha pectina aggiunta in quanto la acidità naturale della frutta impiegata (90g/100g di prodotto) è “stabile”.


Avete mai pensato di introdurre composte oltre alle confetture?

Le composte sono un bellissimo modo di lavorare la frutta ed è possibile produrle nel prossimo futuro in modo particolare con l’introduzione di nuova frutta nella gamma prodotti. 


Per differenziarvi ulteriormente con la vostra proposta di prodotti pensate di introdurre altre ricette particolari?

Terra Aqua è costantemente “tesa alla innovazione delle ricette” e questo certamente ci porterà a “scoprire” nuovi “modi di impiego e consumo” dei prodotti. Seguiamo le tendenze del mercato e certamente ci faremo trovare pronti, esattamente come abbiamo già fatto con l’impiego dello zenzero, della curcuma e della cannella. Occorre “scoprire” nuove varietà di frutta e perché no anche di verdure.


Tra i canali commerciali che intendete percorrere è prevista la GDO?

Esiste sicuramente l’interesse verso il mondo della distribuzione organizzata piuttosto che della Grande Distribuzione Organizzata. In questo senso pensiamo a “piccole realtà distributive” presenti in particolare all’estero (per esempio Germania, nord Europa) attente ai prodotti per esempio Bio/Organic ovvero gourmet Italiani. Per noi è strategico che il cliente venga accompagnato all’acquisto, affiancato nella scelta per “offrire conoscenza” insieme ai prodotti. Certamente una sfida per tutti cui noi vogliamo prepararci mettendo il cliente al centro delle nostre scelte e che vogliamo raggiungere prima che arrivi in negozio o che comperi on-line.


Chi sono i vostri partner più importanti?

Innanzitutto abbiamo scelto di essere “incubati” all’interno dell’incubatore tecnologico veneto t2i (www.t2i.it). Questa scelta come startup innovativa è “indispensabile” per essere in relazione con una rete di competenze pensate proprio per le startup. È un punto di riferimento e di confronto continuo, fatto di relazioni e di competenze (per esempio con loro abbiamo depositato la proprietà intellettuale - IP asset certified con cui portiamo il consumatore a conoscere molte informazioni e l’origine della frutta che si appresta a consumare).
La filiera si compone del contadino, primo ed indispensabile “vero socio” di Terra Aqua con il quale costantemente siamo in contatto perché vogliamo essere noi loro partener e non solo clienti. Sono nostri partener i nostri fornitori di tutta la filiera dei componenti (pack, vetro, tappi, etichette, materiale promozionale) ed il laboratorio (il primo ad oggi cui ci affidiamo). Il laboratorio è una estensione indipendente da Terra Aqua ma interconnesso. Sviluppiamo idee e realiziamo test e ricette con cui ci relazioniamo secondo il metodo kaizen. Per la parte di sviluppo dei progetti strategici e di marketing abbiamo al momento un team di partner esterni cui siamo legati anche da oltre 10 anni (grazie alle precedenti esperienze professionali del nostro CEO). Cono loro progettiamo le strategie anche finanziarie, i contenuti, la realizzazione grafica, dei piatti (Chef), delle immagini e la divulgazione social (secondo il modello di inbound marketing/lead generation).
Questo è il nostro TEAM (Togheter Everyone Achieve More) Interno mentre quello esterno si compone dei nostri primi clienti (direzionali), di una piccola rete di agenzie plurimandato che hanno “accolto” la nostra proposta e la trasmettono ai loro/nostri clienti con passione e soprattutto “attenzione e rispetto”. Vogliamo infine costruire da ora in avanti un grande fiume di “ambasciatori” che sono i consumatori finali con cui vogliamo condividere le loro e le nostre passioni per il cibo italiano autentico.


Nei prossimi anni pensate di coinvolgere nuove figure all’interno del team?

Certamente si, e con una forte comparte femminile che vorremmo fosse coinvolta in Terra Aqua con una logica nuova cui stiamo pensando insieme al team dell’incubatore tecnologico t2i.


Si parla di negozi specializzati, dove è possibile trovare i vostri prodotti?

Siamo presenti nel centro nord Italia, è sufficiente contattarci nella apposita sezione del nostro sito www.terraaqua.it per ricevere le informazioni dei negozi più vicini.


Siete già presenti nei mercati esteri?

Siamo presenti con due test, in Germania con un sito internet dedicato al cibo regionale italiano. Abbiamo fatto una esperienza in UK terminata appena prima del periodo di lockdown. Il progetto per il 2021-2022 prevede di posizionarci con Amazon e la vetrina Made in Italy cui siamo iscritti in Nord Europa, Francia, UK.


Perché avete scelto di sfruttare il canale B2C2B, quali vantaggi può dare?

Abbiamo capito che è sempre più indispensabile avere il consumatore al centro della nostra strategia commerciale. Il consumatore diventa un ambasciatore della azienda ma soprattutto in modo semplice ci dice “questo mi piace, questo non mi piace” e qui inizia la sfida e la crescita di Terra Aqua. A questo punto il consumatore compera off line ed on line in modo ibrido-misto. Noi vogliamo che possa trovare i nostri prodotti dove si trova meglio oggi ed anche domani e senza limiti. Ci attendiamo quindi che cresceremo nella presenza nei punti vendita specializzati o presso altri canali B2B come il food delivery. Crediamo che se il consumatore conosce ed apprezza Terra Aqua ne parla bene e vuole che il proprio negozio di fiducia possa offrirglielo.


Si parla di frutta mono-origine, come lo certificate?

La certificazione della frutta mono origine si certifica con i documenti di trasporto e le fatture di acquisto, ma soprattutto dichiarandolo in etichetta e nel percorso scopri l’origine https://www.terraaqua.it/scopri-lorigine-della-frutta-inserisci-numero-di-lotto/


Che exit è prevista per il progetto?

Il progetto nasce quasi per diletto, dalla forte passione che Alessandro e la moglie mettono nel lavorare la frutta che il cugino inviava loro. Da quel momento ad oggi tutto è cambiato (ad eccezione della naturalezza dei prodotti).
L'obiettivo dei soci fondatori è quello di trasformare Terra Aqua in una società che innova i concetti più tradizionali della colazione mediterranea, quella che vede la frutta al centro della consumazione. Esistono tante aziende "che fanno marmellate", ma poche che innovano e sanno ascoltare le esigenze del mercato. Noi vogliamo essere una realtà che si farà notare, con linee nuove, pensate per esaltare i palati di tutti, attenzioni a tutta la filiera e a tutti i sogggetti coinvolti; vogliamo che i nostri clienti conoscano alla perfezione cosa stanno mangiando e come quel prodotto è stato lavorato per loro, questo sia in Italia che all'Estero (vogliamo portare le idee e il benessere del nostro concetto di frutta in molti i Paesi dell'Europa occidentale). Il raggiungimento di una dimensione significativa e di un impatto importante sul mercato, legato anche alla specificità del prodotto, daranno una visibilità in grado di destare l'interesse di una delle grandi società alimentari o multinazionali (Unilever, Nestlé, Kraft, Lactalis, ecc.) che operano nel settore, cosa che potrà portare ad una exit per acquisizione. Il trend dei consumatori, e di conseguenza anche delle grandi aziende alimentari, è quello di ricercare prodotti sani e anche tipici: per un'azienda di grandi dimensioni è più facile acquisirne una che ha già prodotti e struttura oltre ad una fama consolidata, piuttosto che partire da zero e crearla internamente.


Ad oggi quali sono i vostri principali competitor e cosa vi differenzia dagli stessi?

Se dobbiamo citare dei noi, sicueramnete Alpe Pragas, Agrimontana. Noi siamo nati attorno agli agrumi mentre i competitor, che si trovano al nord Italia, sono nati attorno la frutta. La scelta del mono-origine è per noi totale mentre loro hanno “spot” prodotti mono-origine. Infine non hanno centrale al loro progetto “portare il cliente” fino al campo ed al giorno-settimana di raccolto.


A chi è affidata e dove si svolge la produzione?

La produzione è stata affidata con contratto siglato ad un laboratorio in Sicilia. Viene rispettata la ricetta, la scelta degli ingredienti, il taglio della frutta, la consistenza del prodotto finito, la applicazione manuale (con esclusione del formato 120g) delle etichette solo per indicare il nostro “controllo” del processo.  Compiamo prima di consegnare il prodotto al “mercato” 3 test: visivo, consistenza, gusto, brix che devono rientrare nei nostri parametri di accettazione.


Fino ad oggi come vi siete finanziati?

Attraverso fondi personali dei soci ed il supporto del sistema bancario (anche con nostre garanzie).


Che tipologie di campagne promozionali si intendono avviare con il 50% dell'importo raccolto, come indicato nell'uso dei fondi?

Gli sforzi andranno nelle seguenti direzioni: sviluppo della strategia di in-bound marketing con partner esterno per costruire ed accrescere la brand awarenss dei nostri marchi a sostegno del nostro progetto di sviluppo (2021-2024).  Già dal mese di ottobre 2020 siamo attivi su questi canali: social media come Facebook, Instagram, LinkedIn; Google Ads; gestione del nostro market place e dello spazio su Amazon; digital relations.

€42.000,00

Raccolti Su €40.000,00 di Goal

Giorni 0
Ore 0
Minuti 0
€42K
Completato con successo
6.12% Equity offerta all'obiettivo minimo
€5.800,00 Di cui da professionali
Fai una Domanda